http://1.bp.blogspot.com/-2iIvym_k31Q/VJ9d7yYkX1I/AAAAAAAAAHc/W1XUpJXak5U/s1600/logo.png 

 

 

Narcisisti perversi - Manipolatori - Vampiri psico-affettivi

Come gestire rabbia e desiderio di vendetta

Un atto offensivo subito ingiustamente suscita nella vittima una sofferenza psicologica, che si esprime poi in reazioni di tipo aggressivo, etero o auto-dirette.
L’aggressività nei confronti dell’offensore può esprimersi nella rabbia, nel desiderio di vendetta o di punizione dell’altro, mentre l’autoaggressività si riscontra nei sensi di insicurezza di sé e di vergogna per l’umiliazione subita, nelle costanti ruminazioni del pensiero relative al ricordo dell’offesa.
La vergogna soprattutto è ciò che influisce particolarmente nella stima di sé stessi: - "come ho fatto a lasciarmi ingannare dalla persona che amo?"; “Come ho fatto ad essere così debole e stupido di fronte a tali inganni?".
Questa ricerca e considerazione ossessiva dei dettagli che hanno reso possibile l’offesa può portare ad accrescere e rinforzare i pensieri negativi e rimuginativi.
La rabbia della vittima verso il narcisista manipolatore può essere dominata attraverso la comprensione analitica della patologia del partner offensore - implicando un perdono per "semi infermità mentale" del partner.
Perché ci sia vero perdono devono essere coinvolti tutti i sistemi: cognitivo, emotivo e comportamentale.
Dal punto di vista cognitivo ed emotivo, il perdono richiede tempo: infatti può avvenire solo dopo che vi sia stato un processo mentale capace di far tacere il risentimento, la rabbia, il desiderio di vendetta o di punizione della persona che ha perpetrato l’offesa.
Il perdono richiede dunque un grande sforzo, emotivo ed intellettuale e non dovrebbe dunque essere confuso con la timidezza o la debolezza morale.
Perdonare non significa cercare di dimenticare l’offesa ricevuta, lasciando correre e guardando oltre   ma solo fare in modo che essa, pur permanendosi nel ricordo, non provochi più dolore.
Il gesto del perdono è solo l’ultimo atto che riguarda questo lungo processo. 
Colui che subisce un’ingiustizia, un torto, si sente ferito nel suo orgoglio, si sente privato di qualcosa o qualcuno che ritiene gli appartengano, è una ferita narcisistica, un colpo alla propria autostima che genera forte aggressività.
La vendetta dovrebbe servire a sfogare l’aggressività e ad allontanarsi mentalmente dall’azione patita. Dovrebbe permettere, all’individuo che la progetta e la mette in atto, di porre una pietra sopra l’offesa subita.
Tuttavia se la rabbia non viene incanalata può scatenarsi attraverso crudeli fantasie vendicative ed agiti francamente aggressivi verso il partner narcisista patologico.
A tale riguardo potremmo spiegarci l’insorgere di certi atti di molestia e di persecuzione (stalking) verso il partner, o ex-partner, narcisista patologico, il quale poi non esiterà, sin dalle prime avvisaglie di aggressione da parte del partner vittima (il quale, seppure in modo maldestro, esige soprattutto un confronto chiarificatore che gli viene rifiutato) di mettere in atto vere e proprie trappole, al fine di far punire legalmente la vittima che si ribella, per mezzo di querele, denunce e diffamazioni infamanti nei suoi confronti (a questo punto anche con prove e pseudo-prove alla mano).
Non è necessario che la vittima commetta vere e proprie molestie o attività di stalking, infatti ogni tentativo più o meno pressante di chiedere un confronto sarà interpretato dal partner narcisista patologico come un atto di persecuzione nei suoi confronti (delirio di persecuzione e di querela e sintomi paranoici: tipici del narcisista patologico entro certi contesti e situazioni - McCullough; Emmons; Klipatrick 2003).
Perciò il narcisista patologico maligno, ritiene di doversi difendere in modo più o meno legale e  medita di impiegare eventuali azioni legali al fine di poter esercitare ritorsioni volte a distruggere psicologicamente la sua vittima.
Questa viene ritenuta colpevole ancor prima che accenni a comportamenti di rivalsa e/o di vendetta, i quali confermerebbero ulteriormente la sua colpevolezza posta a priori, in termini di cattiveria, negatività, difettosità e anche di patologia mentale per il solo fatto di mettere in discussione con lamentele e disperate richieste di chiarimento l’Io grandioso del narcisista patologico che si sente perseguitato.
A questo punto il narcisista patologico, a prescindere dal suo essere più o meno maligno, assume un carattere altamente patogeno e distruttivo in virtù dell’esacerbarsi della sua inclinazione paranoide, costituendosi nella forma più grave del narcisismo patologico e paranoico (Lowen, 1983, 31).

Nessuno è immune dal desiderio di vendicarsi ma, quanto più un soggetto è maturo, tanto più cercherà di attenuare tale desiderio e di allontanarsi emotivamente dalla situazione.
Ci vuole tempo e perseveranza.
Chi è capace di sciogliere i nodi del risentimento e perdonare la persona che lo ha ingannato o offeso, riuscendo a valutare anche il punto di vista dell’altro, le motivazioni che lo hanno spinto a ferire, ha vinto una battaglia lunga e dolorosa.
In genere, coloro che riescono dopo un percorso difficile ed estenuante ad abbandonare i progetti di vendetta, spostando l’energia presente nel desiderio di rivendicazione verso altre mete, dimostrano, oltre che una grandezza interiore, anche una saggezza che non tutti sono in grado di acquisire.


Share on Google Plus

About Love Killer

    Blogger Comment
    Facebook Comment

16 commenti:

  1. mai conosciuta persona tanto perfida, cattiva, manipolatrice...aveva fatto di me un burattino con i fili....non potro' perdonarlo mai, gente cosi' non merita perdono

    RispondiElimina
  2. Esatto. Condivido pienamente. Ma anche l articolo contiene importanti suggerimenti per non passare dalla parte del torto.

    RispondiElimina
  3. parole giustissime, come faccio a comunicare con voi....

    RispondiElimina
  4. Ma a me sembra tutto una fesseria. Okay, tutto giusto. Alla fine, chi ha ferito deve rimanere illeso davanti a tutto e mai subire un qualcosa perche' cosi' le vittime raggiungono la saggezza. Ma per cortesia.....Insomma sta gente non paghera' mai

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io la penso come me te. anche io ho pensato di fargliela pagare in molti modi. anche io credo che non sia giusto che chi procura tanto dolore la passi liscia.ma credo che nell articolo (e anche le mie curatrici cercano di spiegarmi la stessa cosa) si parli di perdono inteso come obbiettivo finale di noi lesi. ovvero al momento che hai lasciato andare chi ti ha fatto del male sei pronta a ricominciare. non sei più interessato al tuo narcisista. e qui comincerà la tua rinascita

      Elimina
  5. E invece pagheranno ma non per mano nostra..ma in quanto per come sono fatti..loro...rimarranno sempre soli e non riusciranno mai a costruire niente...chi non da amore vero e sincero ..non riceverà mai amore vero..le donne " intelligenti" prima o poi capiscono con chi hanno a che fare e li lasceranno senza pietà...

    RispondiElimina
  6. E invece pagheranno ma non per mano nostra..ma in quanto per come sono fatti..loro...rimarranno sempre soli e non riusciranno mai a costruire niente...chi non da amore vero e sincero ..non riceverà mai amore vero..le donne " intelligenti" prima o poi capiscono con chi hanno a che fare e li lasceranno senza pietà...

    RispondiElimina
  7. Purtroppo sembra incredibile, ma riescono a trovare altre donne, dopo 20 anni di matrimonio ha trovato un altra ... due famiglie sfasciate .. ma questi esseri, queste persone anaffettive possono cambiare ??? Può darsi che la nuova tizia provochi il cambiamento ? .. perchè si mostra come un agnellino e fa cose che alla moglie negava ..... La storia con la nuova tipa va avati da qualche anno facendo i fidanzatini ... se potete darmi una risposta vi ringrazio. AA

    RispondiElimina
  8. no fidati non cambieranno mai.
    all'inizio sembrerà tutto bellissimo per loro con la loro nuova fiamma, ma quando subentrerà la noia e la monotonia, tornerà a comportarsi come faceva con te.
    uscirà il suo vero essere.
    tempo al tempo.

    RispondiElimina
  9. La mia storia è cominciata sette anni fa! Uscivo da un matrimonio di tanti anni...credo fossi la vittima giusta! Gli inizi da favola
    ..a questo doveva farmi insospettire
    .ma vivevo una vita non mia...ero ancora stordita..ma dopo meno di in anni..
    La prime bugie..il pianto di coccodrillo...il mio perdono perché innamorata..da allora un'escalation...sempre peggio...ha tirato fuori il suo vero essere piano piano...ma io passavo sopra a tutto...negava anche l'evidenza...dentro di me la rabbia che mi logorava e comunque andavo avanti!! Sono stata la pedina di tutti i suoi progetti....prima mi lusingata anche davanti alle altre persone e poi...a distanza di tempo mi allontanava .
    E io sempre a cercarlo...è come se mi mancasse l'aria quando non era con me! Ho passato nottate intere a piangere..e lui tornva mettendo in evidenza che lo avevo chiamato io!! Frustrante e tremendo da sopportare..sono passati tutti questi anni e le cose vanno ancora peggio...orami io non provo più niente per lui...ma non riesco a chiudere questa storia!! Mi ha isolata da tutto e tutti!! Per stare con lui Ho allontanato mio padre che forse aveva capito tutto..ma non ho voluto ascoltarlo!! Sono stata sei anni senza parlargli
    ..mio padre è mancato appena sette mesi fa!! Ho fatto appena in tempo a riabbracciarlo!! Dentro mi si è scatenato l'inferno!! Ma lui spero a tutte le mie richieste di aiuto
    Psicologico e morale!! Sono sola..non ho fratelli..ho due figli grandi che non approvano molto...forse anche loro hanno capito!! Ma lui non perde occasione per ferirmi parlandone male!! Mi ha allontanato da tutti i miei amici
    ..e cerca di parlar male di tutte le persone che stimo!! Ho un bel rapporto con il mio ex.e appena può parla male anche di lui!! È davvero un essere anaffettivo...ha dei figli che non v3de e non sente da anni!! Questo mi avrebbe dovuto far capire qualcosa
    ..ma io mi sentivo diversa...capace di farlo cambiare!! Invece lui ha cambiato me!! Mi ha annientata!! Si comporta normalmente fino a quando io non apro una qualsiasi discussione...a quel punto tira fuori tutto il suo veleno!! Non so con chi parlarne...sono contenta di aver letto questo articolo e le altre esperienze!! Perdonatemi se mi sono dilungata..ma sto impazzendo
    ..

    RispondiElimina
  10. La mia storia è cominciata sette anni fa! Uscivo da un matrimonio di tanti anni...credo fossi la vittima giusta! Gli inizi da favola
    ..a questo doveva farmi insospettire
    .ma vivevo una vita non mia...ero ancora stordita..ma dopo meno di in anni..
    La prime bugie..il pianto di coccodrillo...il mio perdono perché innamorata..da allora un'escalation...sempre peggio...ha tirato fuori il suo vero essere piano piano...ma io passavo sopra a tutto...negava anche l'evidenza...dentro di me la rabbia che mi logorava e comunque andavo avanti!! Sono stata la pedina di tutti i suoi progetti....prima mi lusingata anche davanti alle altre persone e poi...a distanza di tempo mi allontanava .
    E io sempre a cercarlo...è come se mi mancasse l'aria quando non era con me! Ho passato nottate intere a piangere..e lui tornva mettendo in evidenza che lo avevo chiamato io!! Frustrante e tremendo da sopportare..sono passati tutti questi anni e le cose vanno ancora peggio...orami io non provo più niente per lui...ma non riesco a chiudere questa storia!! Mi ha isolata da tutto e tutti!! Per stare con lui Ho allontanato mio padre che forse aveva capito tutto..ma non ho voluto ascoltarlo!! Sono stata sei anni senza parlargli
    ..mio padre è mancato appena sette mesi fa!! Ho fatto appena in tempo a riabbracciarlo!! Dentro mi si è scatenato l'inferno!! Ma lui spero a tutte le mie richieste di aiuto
    Psicologico e morale!! Sono sola..non ho fratelli..ho due figli grandi che non approvano molto...forse anche loro hanno capito!! Ma lui non perde occasione per ferirmi parlandone male!! Mi ha allontanato da tutti i miei amici
    ..e cerca di parlar male di tutte le persone che stimo!! Ho un bel rapporto con il mio ex.e appena può parla male anche di lui!! È davvero un essere anaffettivo...ha dei figli che non v3de e non sente da anni!! Questo mi avrebbe dovuto far capire qualcosa
    ..ma io mi sentivo diversa...capace di farlo cambiare!! Invece lui ha cambiato me!! Mi ha annientata!! Si comporta normalmente fino a quando io non apro una qualsiasi discussione...a quel punto tira fuori tutto il suo veleno!! Non so con chi parlarne...sono contenta di aver letto questo articolo e le altre esperienze!! Perdonatemi se mi sono dilungata..ma sto impazzendo
    ..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. spero tu te ne sia liberata...
      Giulia

      Elimina
    2. Metteva in dubbio la mia stessa percezione.....mi ha finita, logora sfibrata....che Dio lo maledica !! Non lo perdonero 'mai!!!! Lo voglio morto!!

      Elimina
  11. Vittima di una donna egoista e piena di sé,.esco annullato da 25 anni di rapporto, due figli e una autostima da ricostruire da capo. Isolato, umiliato e poi abbandonato tra mille menzogne. I figli, meraviglioso motivo di vita da sempre, mi legano purtroppo a lei per il resto della vita ma ora sto cominciando a capire come trattarla, con la giusta distanza e l'indifferenza che merita. Il perdono non so cosa sia esattamente, so che la vita ripagherà questi esseri maligni delle loro azioni perverse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un terribile sospetto per delle coincidenze... E ti chiedo scusa in anticipo per la domanda... Potrei sapere di che regione sei?

      Elimina
  12. Per la seconda volta mi sono imbattuta in un narcisista. Reduce dal primo ho chiesto onestà al secondo che mi ha nascosto per più di un anno di convivere ancora con la compagna.
    Ora sto applicando il no contact. Vorrei cavargli gli occhi per quanto fatto. Rimango con i pensieri su quanto mi ha detto miei per nascondere questa doppia vita.
    Mi sento una stupida per non essermi accorta prima di tutto. Ho sempre avuto rispetto della sua riservatezza. Non ci si racconta tutto e subito. Ma non pensavo che si potesse arrivare a così tanto.
    Odio pensarlo e nello stesso tempo mi manca.

    RispondiElimina