http://1.bp.blogspot.com/-2iIvym_k31Q/VJ9d7yYkX1I/AAAAAAAAAHc/W1XUpJXak5U/s1600/logo.png 

 

 

Narcisisti perversi - Manipolatori - Vampiri psico-affettivi

Smetti di analizzare il narcisista presente nella tua vita




E così alla fine hai smascherato quella persona - hai fatto "2+2"; hai cercato senza stancarti i tratti del disturbo narcisistico, della psicopatia, della sociopatia, le personalità del cosiddetto "cluster B", e voila! - adesso sai che hai avuto a che fare con un bugiardo seriamente disturbato, manipolatore, uno sfruttatore cronico - sicuramente una personalità narcisista, psicopatica o borderline, o una combinazione di queste personalità che spiega i comportamenti shockanti di questo individuo.
Adesso lo sai, giusto?
Hai portato a termine la tua ricerca, giusto?
Eppure, siamo onesti, la tua ricerca continua in varie forme, e continui a scavare, vero?
Ma ormai è tempo di chiedersi: perché?
Dopotutto hai investigato, hai tratto le tue conclusioni, e sei sicura di quanto hai concluso, o no?
Sei consapevole di ciò che sai, vero?
Hai fatto i compiti diligentemente, sei arrivata davvero alla conclusione giusta, hai smascherato la sua personalità immutabile e distruttiva (e i suoi disturbi di personalità).
E allora (e non lo sottolineerò mai abbastanza)... adesso è ora di smettere di cercare, è ora di finirla!
Hai risolto il mistero!
La ricerca è finita, eppure non vuoi smettere.
Eppure, in un modo o nell'altro, continui a ripensare ad un caso che hai già risolto.
Ora ti trovi ad affrontare la sfida più difficile: fidarti delle tue conclusioni e staccarti dal processo investigativo.
Fa paura, perché facendolo dai inizio ad un distacco vero e proprio dall'individuo che hai smascherato come una persona che è stata mostruosa e terribile per te.
E questo distacco vero e proprio, che è necessario per andare avanti, è difficile.
Eppure devi farlo, se davvero vuoi guarire.
Perché la guarigione non arriverà attraverso le infinite investigazioni.
Le tue investigazioni senza fine - e intendo tutte quelle forme di investigazione che continuano anche dopo aver risolto il caso (e lo hai risolto!) - impediscono e ritardano la guarigione.
Ora che hai risolto il caso, non sono altro che un esercizio di ossessione e di fissazione; razionalmente vuoi andare avanti, ma inconsciamente no.
Eppure sì, è ora di andare avanti.
Lo è davvero.
Hai paura, ma è ora.
Le ricerche sulla personalità di questo individuo, sulla sua storia, sulla tua storia con lui; tutta la dettagliata ricerca dei pezzi mancanti del puzzle: è stato un lavoro fantastico e necessario, ma ora non lo è più.
Il tuo lavoro è finito, anche se stai cercando di convincerti che bisogna portarlo avanti, come se potesse aggiungere qualcosa di importante, quando in realtà ciò che sta facendo è prolungare il tuo attaccamento a questo individuo, attraverso la tua determinazione a trovare nuove prove, nuove conferme, nuove prove schiaccianti che lui è (o era) ciò che tu sai già.
Quando diventiamo vittime di qualcuno in modo traumatico, si attiva in noi un bisogno furioso, insaziabile e disperato di "non lasciar andare" la nostra ricerca della prova che il carnefice è colpevole ed è un essere umano riprorevole e incorreggibile.
Spesso questo bisogno permane insistentemente e a lungo, anche dopo avere trovato la prova definitiva.
A volte siamo noi ad alimentarlo col nostro persistente e ossessivo dubitare: "Magari mi sbaglio... Anche se sono convinta di non sbagliare... ma se sbagliassi? Hmmm... magari potrei trovare un'altra prova... ancora una... soltanto un'altra... allora non avrei più dubbi!
E' tutto ciò che chiedo, soltanto di inchiodarlo a quest'ultima prova!".
Ma la ricerca e il desiderio per un'altra prova soddisfacente e rassicurante non finiscono mai!
E' complicato, perché quel dubbio residuo è qualcosa a cui ci aggrappiamo tenacemente, perché ci permette di rimanere vicine al carnefice.
Noi rifiutiamo, su un certo livello, di liberarci dell'individuo sfruttatore e abusivo che sappiamo che è. E dunque ci fa comodo (anche se è sempre profondamente dannoso!) aggrappaci a questo dubbio, che diventa nel tempo poco più di un auto-stratagemma che ci consente la razionalizzazione dei nostri eterni sforzi per costruire un caso a prova di bomba per denunciare questo individuo per sempre.


Articolo tradotto da http://www.unmaskingthepsychopath.com/
Share on Google Plus

About Love Killer

    Blogger Comment
    Facebook Comment

16 commenti:

  1. Molto utile, molto vero, molto profondo.
    Anche io sono bloccata in questo limbo. Solo che, a differenza di chi ha avuto un partner narcisista e, se trova la forza, può staccarsi fisicamente e iniziare il processo di guarigione, io ho a che fare con una categoria più difficile: i genitori.
    Sia mia madre sia mio suocero sono dei mostri. E per quanto cerchi di vederli/sentirli il più possibile, chiudere del tutto è impossibile. Sono pur sempre GENITORI.
    E il percorso di guarigione, sentendoli, è più difficile. A volte penso ch non ne uscirò mai, che sarò costretta ad averli addosso per sempre e anzi, sarà sempre peggio. Cerco di lavorare su di me, sul diventare indifferente ma è difficile. Sono così piena di rabbia, e ogni volta che sono costretta a sentirli è un altro colpo

    RispondiElimina
  2. Se lo vedessi morire di cancro guarirei subito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo ��

      Elimina
    2. Perfettamente d'accordo..Il rischio purtroppo è che ci si ammali noi. A me è successo.

      Elimina
  3. hai perfettamente ragione.non serve rabbia solo indifferenza! con quella li uccidiamo e abbiamo il meglio su di loro.

    RispondiElimina
  4. Hai perfettamente ragione

    RispondiElimina
  5. Anche io sono ferma a questo punto, ormai l ho smascherato e so tutto ciò che devo sapere di lui, mi chiedo persino se si possa davvero denunciare per abuso da trauma narcisistico, cmq devo dire basta e si smettere di indagare, indifferenza totale!

    RispondiElimina
  6. l'ho cacciato dalla mia vita ripagandolo con il suo stesso gioco perverso:prima inondandolo di amore dedizione e attenzioni implorando pietà' per il suo ennesimo rifiuto( poi tornava a cercarmi...dicendomi che avevo capito male...bastardo....offendendo la mia intelligenza), poi...24 ore ....e qualcosa e' scattato in me...nella mia mente....come se si fosse alzato un sipario e avessi visto le cose come stavano....ho chiuso il cellulare in un cassetto....l'ho lasciato volutamente attivo...per due mesi....ne ho comprato uno nuovo...con numero nuovo....sono sparita dai social(non deve avere NESSUNA informazione di me...e soprattutto delle mie emozioni...del mio stato d'animo)....e da ieri...ho staccato la spina al vecchio cellulare....come levare l'ossigeno ad un moribondo senza speranza....quindi...nenche più' doppia spunta grigia.....neanche più' squilli a vuoto....niente...il silenzio...il niente...perche' quello merita...NIENTE

    RispondiElimina
  7. Ho allontanato la mia aguzzina narcisista dicendole che è una persona narcisista che mi ha solo usato. Reazione? Io sono pazzo. Reazione alla sua reazione? Trip mentale e piccolo margine eterno di un dubbio. Non c'è un tribunale o una legge che possa mettere luce su persone che abusano di sentimenti e pensieri di altre persone. E' tragico. Continuiamo le indagini perchè vorremmo una giustizia che non arriverà. Probabilmente ne usciamo definitivamente quando accetteremo che abbiamo perso. Siamo stati usati. Forse è il nostro orgoglio. Forse altro. Di sicuro solo il tempo potrà venire in nostro soccorso.

    RispondiElimina
  8. Ho passato la fase dello scarto completamente incapace di capire quello che stava succedendo.Mi aveva rimandato in love bombing, non la cercavo i primi giorni dalla rottura voluta da lei, per poi massacrarmi due settimane dopo... Grazie ad un amica che ascolta i miei sfoghi mi indirizza sul narcisismo. Informandomi capisco con chi ho avuto a che fare. Ormai sono due settimane che l'ho smascherata e la soddisfazione di vederla diventare un agnellino da lupo qual'era non mi è dispiaciuta.Piccole cose rispetto a quello che ho subito ma la voglia di vederla soffrire ancora non mi dispiacerebbe,vedremo. Intanto continuo la ricerca sul narcisismo ma si sta affievolendo in questi ultimi giorni. Ormai non c'è più motivo di sapere,già sappiamo. un abbraccio a tutti!

    RispondiElimina
  9. Uscita da una seconda dolorosa separazione ho trovato lui, il narciso affascinante. All'inizio avevo effettivamente dei dubbi sul suo essere, io sono una bella ed interessante donna (purtroppo affettivamente dipendente)e non capivo perché mi sembrasse geloso del mio passato e di quello che sono (ora ho compreso), dubbi spazzati dall'essermi innamorata perdutamente. Dopo due soli mesi ha iniziato ad oscillare tra il rappresentare la perfezione del rapporto di coppia alla stronzaggine e cafoneria assoluta. Ma non ho voluto vedere il cambiamento; sono stata succube, dipendente, giustificavo ogni sua manchevolezza, i mal di testa strategici, le assenze e tutto quanto è spiegato esaurientemente in questo blog. Ed ha iniziato ad inseguire la sua prossima vittima mentre io, pur comprendendo ogni suo movimento al riguardo, ho finto di non vedere (ma dentro di me sapevo e soffrivo). Gli amici mi dicevano che era una mia invenzione, per di più colpevolizzandomi per il mio essere così dipendente, senza carattere e quindi aumentando la mia disistima.
    Dieci giorni fa avevo deciso di troncare ed ho resistito un giorno. Lui è tornato giustificando ogni singola azione (mentendo naturalmente) ed io ho accettato di nuovo di supinarmi. Fino al trascorso weekend quando non ho più potuto non vedere. Oggi, dopo aver subito il suo ennesimo scherno verbale, ho deciso di chiudere. Cancellerò ogni contatto telefonico mettendolo in black-list. Ho desiderio di vendetta ma so che è meglio fuggire da un essere così infido e pericoloso. So che mi ci vorrà tempo per uscirne ed ho paura di non farcela. Il tutto è durato soltanto due mesi di gioia assoluta e due mesi di inferno eppure mi ha segnato profondamente.

    RispondiElimina
  10. io sono in quella fase confusionale dove non solo l ho smascherato ma ho deciso di dargli una seconda possibilità. Ma siccome non mi fido non vivo, non dormo e questo non aiuta. una mi amica mi ha detto che mi sto avvelenando,perche chi sta con queste persone tossiche inietta veleno giorno per giorno. E so che non dovrei ma ancora non capisco in quale status metterlo. cioè leggo molto, ma in lui ci sono contraddizioni. O forse non le vedo io....

    RispondiElimina
  11. sono anche io nella fase di smascheramento ma non riesco a fermare le ricerche perché non mi spiego come mai è stato fedele a me per anni nonostante fosse narcisista con una rabbia giornaliera verso di me continue critiche svalutazioni sempre in pubblico ma anche in privato sottili esempi di donne "migliori" di me insomma anni di torture che ho sempre subito sentendomi in colpa perché lui mi ha sempre dato la colpa di ogni cosa dalla più banale alla più pesante. Oggi ho bisogno di 1 sola risposta che non trovo IL NARCISITA PUO' ESSERE FEDELE ALLA SUA COMPAGNA SE QUESTA COMBATTE A DENTI STRETTI OGNI GIORNO CON LUI ? io non ho mai subìto stando zitta poi mi sentivo in colpa delle mie reazioni di rabbia e stress per i suoi continui attacchi , oggi sono fiera di non esser precipitata negli abissi del silenzio sofferenza delle donne zerbino che si lasciano insultare e non riescono a reagire. e' una magrissima consolazione lo so, e non serve neppure a ridarmi indietro anni e anni di sofferenza. io sono dipendente affettiva questo ne deduco visto che lui ha sempre avuto il potere di farmi perdere la pazienza di farmi arrabbiare di farmi sentire inadeguata e inutile in tutto. chiedo aiuto per la domanda che ho fatto. grazie

    RispondiElimina
  12. Gli ho dato tante possibilità e ogni volta ne sono uscita sconfitta. Immersa sempre di piu in una vita infernale. Ogni scusa per lui era buona per litigare, per scatenare la sua ira, per insultarmi, maltratarmi, deridermi davanti ai miei conoscenti, agli estranei, ai suoi familiari che non mi hanno mai diffeso. Mi buttava addosso tutto il suo fango, scaricando tutte le sue frustrazioni. E io cercavo di giustificarlo e sprofondavo sempre di più. Alle mie richieste di andare a curarsi, visto i suoi scatti d'ira, mi diceva che lo avrebbe fatto, poi in seguito finiva per dirmi che sono pazza e ho bisogno di curarmi io,che non è vero quanto succedeva,che m'inventavo tutto, oppure diceva che è normale in una vita di coppia. E io ero depressa,non facevo piuvita sociale, avevo problemi al lavoro, stavo male, incapace di capire tanta cattiveria.Quando le violenze fisiche si sono accentuato sempre di più, sono scappata di casa con mio figlio, spinta da mio sorella che mi diceva che devo uscire da quella casa.Credevo di essere libera,ma mi sbagliavo di grosso.Per mesi mi ha terrorizzato, alla fine ho trovato il coraggio di denunciarlo.Sono anni ormai che cerco di capire cosa mi è successo e finalmente ho capito che per lui sono stata soltanto un oggetto che mi spostava a suo comodo e piacimento. Che ha abusato di me fisicamente, verbalmente, sessualmente e materialmente. Ora vado dalla psicologa per curarmi dal trauma subito. E anche se non ho più una casa,i miei soldi sono finiti, non ho nessun desiderio del lavoro che facevo prima,che mi ha dato tantissime soddisfazioni e denaro,almeno ho riavuto la mia dignità e mi darò un altra possibilità di vivere finalmente in modo decoroso e rispettoso dell'essere umano.
    La forza per superare c'è dentro ognuno di noi, anche se qualche volta si scende negli abissi più profondi e ci si pensa di non farcela, ricordiamoci che siamo esseri speciali e di sicuro né usciremo più elevati di chi non ha mai conosciuto sulla propria pelle il significato dell' abbuso psicologico. Buona giornata a tutti voi.

    RispondiElimina